European Journal of Clinical Nutrition …

European Journal of Clinical Nutrition ...

Una formula latte non idrolizzato fermentato riduce gli eventi digestive e respiratorie nei neonati ad alto rischio di allergia

M Morisset 1. C Aubert-Jacquin 2. P Soulaines 3. D-A-Moneret Vautrin 1 e C Dupont 3

  1. 1 Mdecine Interne, Immunologie Clinique et Allergologie, CHU de Nancy, EA 3999 allergiche Malattie: Diagnostica e Terapia ‘, Università di Nancy, Nancy, Francia
  2. 2 Danone Research, Villefranche-sur-Sane, Francia
  3. 3 Universit Paris-Descartes, Service d’Explorations Fonctionnelles digestivi Pdiatriques, Parigi, Francia

Corrispondenza: Dr C Dupont, Universit Paris Descartes, Service d’Explorations Fonctionnelles digestivi Pdiatriques, Hpital Necker-Enfants Malades, 149, rue de Svres 75015 Parigi, Francia. E-mail: christophe.dupont@nck.aphp.fr

Astratto

Obiettivi di fondo:

Per determinare l’impatto di un latte artificiale fermentato non idrolizzato contenente ucciso al calore Bifidobacterium breve C50 e Streptococcus thermophilus 065 (HKBBST) sull’incidenza di eventi di allergia-come durante i primi 2 anni di vita nei bambini ad alto rischio di atopia.

Soggetti Metodi:

risultati:

Lo studio ha incluso 129 bambini, 63 sono stati randomizzati alla SIF, 66 a HKBBST. L’uso di latte HKBBST non ha alterato la proporzione di CMA, ma è diminuita la percentuale di SPT positivo al latte vaccino (1.7 vs 12.5. P 0.03), e l’incidenza di digestivo (39 vs 63. P 0.01) e respiratorie eventi avversi potenzialmente allergiche (7 vs 21. P 0,03) a 12 mesi, e che di PAAEs respiratori a 24 mesi (13 vs 35. P 0.01).

Conclusioni:

HKBBST diminuita l’incidenza di PAAEs nei bambini con storia familiare di atopia, durante i primi mesi di vita e dopo la formula è stata interrotta. tolleranza orale al latte vaccino nei bambini ad alto rischio di atopia può quindi essere migliorata utilizzando formule fermentati non idrolizzate.

parole chiave:

fermentato latte artificiale; Bifidobacterium breve ; Streptococcus thermophilus ; prebiotico; allergia al latte vaccino; storia familiare di atopia

introduzione

metodi

obiettivi

L’obiettivo primario di questo studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato studio è stato quello di determinare l’effetto del latte HKBBST sull’incidenza di CMA e CM di sensibilizzazione nei bambini ad alto rischio di atopia.

obiettivi secondari erano per determinare l’effetto di latte HKBBST su (i) l’incidenza di sensibilizzazione e o allergia ad altri allergeni di CM e (ii) l’incidenza di sintomi allergici durante il periodo di studio.

Soggetti

Criterio di inclusione

I criteri di inclusione erano meno di 6 mesi di gravidanza e la famiglia a rischio di atopia: almeno due membri atopica, di cui almeno uno dei genitori (per esempio la madre o il padre e ed o almeno un fratello o una sorella). I bambini con immunodeficienza nota o sospetta all’interno della famiglia non sono stati inclusi. Inoltre, perché l’uso effettivo della formula non è stato possibile determinare nei bambini senza data conosciuta di svezzamento, sono stati esclusi dalle analisi.

interventi

Prodotti in fase di studio

Il controllo era un SIF (Gallia, Bldina, Francia). HKBBST formula aveva la stessa composizione nutrizionale come la SIF, ma è stato fermentato con B. breve C50 (4.2 10 9 batteri per 100   g di formula in polvere) e S. thermophilus 065 (3.84 10 7 batteri per 100   g di formula in polvere) durante il processo di fabbricazione e quindi riscaldato per uccidere fermenti (tecnologia brevettata, Bldina, Francia). L’aspetto, il gusto e l’odore dei due prodotti erano simili. Allergologo, dietista e la madre sono stati accecati per il prodotto assegnato durante tutto lo studio, fino a quando l’analisi dei dati ultimo risultato.

risultati di misura

I bambini sono stati considerati allergica al CM e o ad un altro allergene alimentare quando orale sfida alimentare (OFC) è stato positivo. I bambini sono stati considerati sensibilizzati a un allergene alimentare in caso di test positivi della pelle (SPT o APT) o IgE specifiche positivo, indipendentemente sintomi simili.

I dati raccolti e le prove eseguite

eventi avversi potenzialmente allergiche

Albero decisionale delle prove effettuate durante lo studio. IgE quantificazione e patch test atopia sono stati eseguiti solo per gli allergeni CM e alimentare.

figura intera e leggenda (78K)

prick test

SPTs sono stati standardizzati e sistematicamente eseguiti ad ogni visita. Sono stati fatti secondo il metodo prick-in-puntura (Dreborg, 1991). SPT agli allergeni alimentari inclusi CM, un uovo di gallina, merluzzo, farina di frumento, farina di soia e arachidi tostate. SPT agli estratti aeroallergene incluso Dermatophagodes pteronyssinus. gatto e peli di cane, mix di pollini di erbe, polline di betulla e Alternaria alterna (Allerbio Laboratories, Varennes-en-Argonne, Francia). Un controllo positivo (9 codeina fosfato) e un controllo negativo (solvente, per esempio, soluzione salina) sono state sistematicamente eseguite. SPT è stato considerato positivo se il diametro medio pomfo era 75 del pomfo controllo positivo o 3   mm.

patch test

APT è stato considerato positivo secondo il gruppo di ricerca internazionale dermatite da contatto e la task force europea sulla dermatite atopica Consensus criteri Incontri (Turjanmaa et al.. 2006).

rilevazione delle IgE
sfida alimentare orale

analisi statistiche

I test sono stati due lati e il livello di significatività ( ) È stato fissato a 0,05. 2 e test esatti di Fisher sono stati utilizzati per le variabili qualitative (test: sintomo positivo o negativo osservato: sì o no): la pelle o il test delle IgE, cutanea, digestiva, generali e sintomi respiratori. I risultati qui presentati sono di per-protocollo popolazioni, che hanno mostrato alcuna differenza sostanziale rispetto con le popolazioni ITT. Le analisi statistiche sono state eseguite utilizzando SAS, versione 8.2 (SAS Institute, Cary, NC, USA).

risultati

Diagramma di flusso dei bambini partecipanti allo studio.

figura intera e leggenda (116K)

Sensibilizzazione e CMA

A 4 mesi, una tendenza è stata osservata verso una minore percentuale di SPT positivo CM nel gruppo HKBBST rispetto al gruppo standard (1,6 vs 7,9; P 0,06) (Tabella 2). Tuttavia, nessuna differenza significativa è stata trovata tra i gruppi riguardo la sensibilizzazione a CM, altri alimenti o aeroallergeni. OFC non è stato eseguito prima dell’età di 6 mesi, in modo che CMA non poteva essere diagnosticata a 4 mesi.

A 12 mesi, anche se CMA incidenza non era differente tra i gruppi, la proporzione di SPT positivo CM era significativamente diminuita nel gruppo HKBBST rispetto al gruppo standard (1,7 vs 12,5; P 0,03) (Tabella 2). Quando IgE specifiche per alimenti diversi da CM sono stati quantificati, bambini del gruppo HKBBST hanno mostrato una maggiore percentuale di test biologico negativo rispetto ai bambini del gruppo standard (90,9 vs 33,3; P 0.01). APT per CM, CM-specifiche IgE, SPT e APT ad altri alimenti e sensibilizzazione ad aeroallergeni non erano differenti tra i gruppi.

L’incidenza di CMA è rimasto non diversa tra i gruppi a 24 mesi, ma le proporzioni di SPT positivo ai CM e bambini con rilevabile anti-IgE latte tendevano ad essere diminuita nel gruppo HKBBST rispetto al gruppo standard (Tabella 2). è stata osservata alcuna differenza tra i gruppi per quanto riguarda la sensibilizzazione ad altri alimenti.

eventi avversi potenzialmente allergiche

Durante lo studio, 43 dei 55 bambini (78,2) ha avuto almeno 1 PAAE nel gruppo standard; erano 37 dei 53 bambini del gruppo HKBBST (69,8; P 0.32). Rispetto alla SIF, latte HKBBST significativamente diminuito la percentuale di bambini con almeno un PAAE digestivo a 4 mesi (42,9 vs 26,2; P 0,047) (Figura 3). A 12 mesi, i bambini del gruppo HKBBST hanno mostrato una percentuale significativamente inferiore di PAAEs respiratorie (21,4 vs 6,8; P 0,031) e PAAEs digestivi (62.5 vs 39.0; P 0,012), rispetto al gruppo standard. A 24 mesi, la percentuale di PAAEs digestivi rimasto diminuita nel gruppo HKBBST, rispetto al gruppo placebo, ma questo non significativa (P 0.08). Tuttavia, la diminuzione della percentuale di PAAE respiratoria osservata a 12 mesi nel gruppo HKBBST è rimasta significativa a 24 mesi (34,6 vs 13,2; P 0.010). Nessuna differenza significativa è stata trovata per quanto riguarda l’intensità generale PAAEs (Tabella 3).

Percentuale dei bambini con respiratorio, digerente o PAAEs cutanee in gruppi standard e HKBBST a 4, 12 e 24 mesi.

figura intera e leggenda (85K)

Discussione

Il presente studio non ha mostrato diminuita incidenza di CMA nei bambini che utilizzano il latte HKBBST. Tuttavia, il latte HKBBST diminuita la percentuale di SPT positivo CM, l’incidenza di digestivo e PAAEs respiratorie, e la percentuale di test positivi IgE contro altri alimenti diversi CM nei primi 12 mesi di vita. Inoltre, l’impatto della HKBBST persistito fino al 24 ° mese di vita con ridotta incidenza di PAAE respiratoria. Come tale, questo è il primo studio che mostra l’efficacia di un latte artificiale fermentato con proteine ​​del latte non idrolizzate su manifestazioni allergiche respiratorie e digestive e segni biologici di sensibilizzazione al cibo durante il primo anno di vita.

Il confronto con altri studi è anche difficile a causa della giovanissima età dei bambini presso l’inclusione e la particolare metodologia che abbiamo avuto per la progettazione. Come la diagnosi di un’allergia difficilmente può essere impostata prima di 6 mesi di età, qualsiasi sintomo (per esempio, PAAEs) o dati biologici possibilmente correlati alle allergie dovevano essere raccolti, mentre la maggior parte degli studi raccolgono e analizzano principalmente dermatite atopica. PAAEs erano sintomi clinici che potrebbero corrispondere ai sintomi allergici, ma per i quali non è stato possibile fatte chiara associazione con l’allergia. regola stabilita afferma che l’origine allergenico di un sintomo è confermata solo se scompare dopo allergeni evitamento e riappare durante OFC. Per alcuni bambini che presentavano PAAEs scomparsa dopo CM sfratto, non è stato possibile dimostrare il ruolo della CM perché la sfida orale è stato negativo. Ci si può chiedere se questi sintomi sono stati, o no, sintomi transitori di CM allergia con un rapido recupero naturale prima dell’età di 6 mesi. Siamo pienamente consapevoli che un test biologico positivo o PAAEs non sono sufficienti per impostare la diagnosi di un’allergia. Tuttavia, anche se i PAAEs considerati non sono così solido come OFC, corrispondono a sintomi comunemente osservati nella pratica clinica, che sono più spesso invalidanti per i bambini e le famiglie; la loro evasione sarebbe in gran parte migliorare la qualità della vita dei bambini e delle loro famiglie. Inoltre, questo studio dimostra che gli studi sull’impatto di un latte artificiale su eventi simil-allergiche possono essere effettuate entro il primo anno di vita.

In conclusione, il presente studio dimostra che il latte artificiale fermentato HKBBST, contenente proteine ​​del latte intatte, diminuisce la percentuale di sensibilizzazione alle proteine ​​CM e l’incidenza di PAAEs nei bambini ad alto rischio di atopia, già a partire dai primi mesi di vita e durante un lungo periodo di tempo dopo la sua cessazione. latti fermentati possono rappresentare una nuova strategia dietetica per promuovere la tolleranza orale CM.

Conflitto d’interesse

Ccile Aubert-Jacquin è il dipendente Danone. Martine Morisset, Denise-Anne Moneret-Vautrin e Christophe Dupont hanno ricevuto onorari e o compensazione per quanto riguarda lo studio, come un investigatore, coordinatore o un esperto, in relazione con il tempo speso per lo studio. Gli autori dichiarano assenza di conflitto di interesse.

Riferimenti

  1. AFSSA (2003). Rapporto del gruppo di lavoro sugli alimenti per lattanti e alimenti di modifica della flora intestinale.
  2. Agostoni C, Axelsson I, Goulet O, Koletzko B, Michaelsen KF, Puntis JW et al. (2004). oligosaccaridi prebiotici in prodotti dietetici per bambini: un commento dal Comitato ESPGHAN sulla Nutrizione. J Pediatr Gastroenterol Nutr 39. 465473. | Articolo | PubMed | ISI
  3. Agostoni C, Goulet O, Koláček S, Koletzko B, Moreno L, J Puntis et al. (2007). alimenti per lattanti fermentati senza batteri vivi. J Pediatr Gastroenterol Nutr 44. 392397. | Articolo | PubMed | ISI
  4. Betsi GI, Papadavid E, Falagas ME (2008). Probiotici per il trattamento o la prevenzione della dermatite atopica: una revisione delle evidenze da studi randomizzati controllati. Am J Clin Dermatol 9. 93103. | Articolo | PubMed | ISI
  5. Boehm G, Moro G (2008). Aspetti strutturali e funzionali dei prebiotici utilizzati nella nutrizione infantile. J Nutr 138. 1818S1828S. | PubMed | ISI |
  6. Dreborg S (1991). test cutaneo per la diagnosi di allergia alimentare. Allergia Proc 12. 251254. | Articolo | PubMed | ISI
  7. Exl BM, Fritsche R (2001). allergia alle proteine ​​del latte vaccino e le possibili mezzi per la sua prevenzione. Nutrizione 17. 642651. | Articolo | PubMed | ISI
  8. FAO OMS (2002). Rapporto di un gruppo di lavoro della FAO OMS congiunta sulle Principi di redazione per la valutazione dei probiotici negli alimenti. London, Ontario, Canada.
  9. Garcia-Ara C, Boyano-Martinez T, Diaz-Pena JM, Martin-Munoz F, Reche-Frutos M, Martin-Esteban M (2001). i livelli di IgE specifiche nel diagnosi di ipersensibilità immediata alle proteine ​​latte vaccino nel neonato. J Allergy Clin Immunol 107. 185190. | Articolo | PubMed | ISI
  10. Giovannini M, C Agostoni, Riva E, F Salvini, Ruscitto A, Zuccotti GV et al. (2007). Uno studio prospettico randomizzato in doppio cieco controllato sugli effetti del consumo a lungo termine di latte fermentato contenente Lactobacillus casei in bambini in età prescolare con asma e rinite allergica o. Pediatr Res 62. 215220. | Articolo | PubMed | ISI
  11. Greer FR, Sicherer SH, Burks AW (2008). Effetti dei primi interventi nutrizionali sullo sviluppo della malattia atopica nei neonati e nei bambini: il ruolo della restrizione dietetica materno, l’allattamento al seno, i tempi di introduzione di alimenti complementari, e le formule idrolizzate. Pediatrics 121. 183191. | Articolo | PubMed | ISI
  12. Hoarau C, Lagaraine C, Martin L, Velge-Roussel F, Lebranchu Y (2006). Surnatante di Bifidobacterium breve induce la maturazione delle cellule dendritiche, attivazione e sopravvivenza attraverso un recettore 2 percorso Toll-like. J Allergy Clin Immunol 117. 696702. | Articolo | PubMed | ISI
  13. Hol J, van Leer EH, Elink Schuurman BE, de Ruiter LF, Samsom JN, Hop W et al. (2008). L’acquisizione di tolleranza verso il latte vaccino attraverso la supplementazione di probiotici: uno studio randomizzato controllato. J Allergy Clin Immunol 121. 14481454. | Articolo | PubMed | ISI
  14. Host A, Halken S, Muraro A, Dreborg S, Niggemann B, R Aalberse et al. (2008). la prevenzione dietetica delle malattie allergiche nei neonati e nei bambini piccoli. Pediatr Allergy Immunol 19. 14. | Articolo | PubMed | ISI
  15. Indrio F, G Ladisa, Mautone A, Montagna O (2007). Effetto di una formula fermentato delle dimensioni del timo e del pH sgabello in neonati a termine. Pediatr Res 62. 98100. | Articolo | PubMed | ISI
  16. Isolauri E, Arvola T, Sütaş Y, Moilanen E, Salminen S (2000). I probiotici nella gestione di eczema atopico. Clin Exp Allergy 30. 16041610. | Articolo | PubMed | ISI | Chemport |
  17. Kalliomäki M, S Salminen, Arvilommi H, Kero P, P Koskinen, Isolauri E (2001). I probiotici nella prevenzione primaria della malattia atopica: uno studio randomizzato controllato con placebo. Lancet 357. 10761079. | Articolo | PubMed | ISI | Chemport |
  18. Kekki OM, Turjanmaa K, Isolauri E (1997). Le differenze di pelle-prick e patch-test di reattività sono legati alla eterogeneità delle eczema atopico nei bambini. Allergia 52. 755759. | Articolo | PubMed | ISI
  19. Kopp MV, Hennemuth I, Heinzmann A, Urbanek R (2008). Randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di probiotici per la prevenzione primaria: nessun effetti clinici della supplementazione di Lactobacillus GG. Pediatrics 121. e850e856. | Articolo | PubMed | ISI
  20. Kukkonen K, Savilahti E, Haahtela T, Juntunen-Backman K, R Korpela, Poussa T et al. (2007). Probiotici e prebiotici galattoligosaccaridi nella prevenzione delle malattie allergiche: una, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. J Allergy Clin Immunol 119. 192198. | Articolo | PubMed | ISI
  21. Kvenshagen B, Halvorsen R, Jacobsen M (2008). Le reazioni avverse al latte nei bambini. Acta Paediatr 97. 196200. | Articolo | PubMed | ISI
  22. Lee J, Seto D, Bielory L (2008). La meta-analisi di studi clinici di probiotici per la prevenzione e il trattamento della dermatite atopica pediatrica. J Allergy Clin Immunol 121. 116121. E111. | Articolo | PubMed | ISI
  23. Menard S, Candalh C, Bambou JC, Terpend K, Cerf-Bensussan N, M Heyman (2004). I batteri lattici secernono metaboliti di ritegno proprietà anti-infiammatorie, dopo il trasporto intestinale. Gut 53. 821828. | Articolo | PubMed | ISI | Chemport |
  24. Menard S, Candalh C, Ben Ahmed M, S Rakotobe, Gaboriau-Routhiau V, Cerf-Bensussan N et al. (2006). La stimolazione di immunità senza alterazione della tolleranza orale nei topi nutriti con latte artificiale fermentato trattato termicamente. J Pediatr Gastroenterol Nutr 43. 451458. | Articolo | PubMed | ISI
  25. Osborn DA, Sinn J (2006). Le formule contenenti proteine ​​idrolizzate per la prevenzione di allergie e intolleranze alimentari nei neonati. Cochrane Database Syst Rev. CD003664.
  26. Osborn DA, Sinn JK (2007). I probiotici nei neonati per la prevenzione delle malattie allergiche e ipersensibilità alimentare. Cochrane Database Syst Rev. CD006475.
  27. Romond MB, Ais A, Guillemot F, R Bounouader, Cortot A, Romond C (1998). siero privo di cellule di latte fermentato con Bifidobacterium breve C50 usato per modificare la microflora del colon di soggetti sani. J Dairy Sci 81. 12291235. | Articolo | PubMed | ISI
  28. Romond MB, Ais A, Yazourh A, Romond C (1997). Siero cell-free da bifidobatteri fermentati latti esercitano un effetto regolatore sulla microflora intestinale di topi e gli esseri umani. Anaerobe 3. 137143. | Articolo | PubMed | ISI
  29. Rosenfeldt V, Benfeldt E, Nielsen SD, Michaelsen KF, Jeppesen DL, Valerio NH et al. (2003). Effetto di ceppi di Lactobacillus probiotici in bambini con dermatite atopica. J Allergy Clin Immunol 111. 389395. | Articolo | PubMed | ISI
  30. Saarinen KM, Juntunen-Backman K, Jarvenpaa AL, Kuitunen P, Lope L, M Renlund et al. (1999). alimentazione supplementare in ospedali di maternità e il rischio di allergia al latte vaccino: uno studio prospettico su 6209 neonati. J Allergy Clin Immunol 104. 457461. | Articolo | PubMed | ISI
  31. Sashihara T, Sueki N, Ikegami S (2006). Un’analisi dell’efficacia dei batteri uccisi al calore lattici per alleviare malattie allergiche. J Dairy Sci 89. 28462855. | Articolo | PubMed | ISI
  32. Thibault H, Aubert-Jacquin C, Goulet O (2004). Effetti di consumo a lungo termine di un latte artificiale fermentato (con Bifidobacterium breve c50 e Streptococcus thermophilus 065) sulla diarrea acuta nei neonati. J Pediatr Gastroenterol Nutr 39. 147152. | Articolo | PubMed | ISI
  33. Turjanmaa K, Darsow U, Niggemann B, Rance F, Vanto T, T Werfel (2006). position paper EAACI GA2LEN: stato attuale della patch test. Allergia 61. 13771384. | Articolo | PubMed | ISI | Chemport |
  34. Vandenplas Y, Koletzko S, Isolauri E, D Hill, Oranje AP, Brueton M et al. (2007). Linee guida per la diagnosi e la gestione di allergia alle proteine ​​del latte vaccino nei neonati. Arch Dis Child 92. 902908. | Articolo | PubMed | ISI
  35. Viljanen M, Savilahti E, Haahtela T, Juntunen-Backman K, R Korpela, Poussa T et al. (2005). I probiotici nel trattamento della sindrome da dermatite atopica eczema nei bambini: uno studio controllato con placebo in doppio cieco. Allergia 60. 494500. | Articolo | PubMed | ISI | Chemport |
  36. von Berg A, Koletzko S, Filipiak-Pittroff B, Laubereau B, Grubl A, Wichmann HE et al. (2007). Alcune formule idrolizzate ridurre l’incidenza della dermatite atopica, ma non quello di asma: tre anni i risultati del Bambin tedesco intervento nutrizionale di studio. J Allergy Clin Immunol 119. 718725. | Articolo | PubMed | ISI
  37. Wold AE (1998). L’ipotesi dell’igiene rivisto: è la frequenza crescente di allergie dovute al mutamento della flora intestinale? Allergia 53. 2025. | Articolo | PubMed | ISI

Ringraziamenti

Related posts

  • Clinical cancro colorettale – Journal …

    Journal metriche Fonte normalizzato impatto per carta (SNIP): 0.992 ℹ Fonte normalizzato Impact per Carta (SNIP): 2015: impatto citazione 0.992 misure SNIP contestuale ponderando citazioni basate …

  • Trial clinico dimostra promettente …

    La fase due risultati degli studi clinici, pubblicati on-line oggi nel Journal of Allergy e Immunologia Clinica, mostrano che un mese dopo il completamento del protocollo OIT, quasi l’80 per cento di processo …

  • Caratteristiche cliniche e la prognosi …

    Astratta Parole chiave: uveite, anteriori; HLA-B27; Spondilite anchilosante INTRODUZIONE uveite anteriore (UA) è la forma più comune di infiammazione intraoculare, e rappresenta il 50% al 92% …

  • studio europeo trova il latte crudo …

    (NaturalNews) Gli Stati Uniti Food and Drug Administration (FDA) sostiene che è fondamentalmente una condanna a morte per voi e per i vostri bambini. Ma il consumo di latte crudo, secondo un nuovo studio pubblicato …

  • Effetti clinici di yoga sulla asmatico …

    Abstract Background L’asma è una delle più comuni malattie respiratorie nella zona Jimma, nonché un carico di malattia significativa in tutto il mondo che costano miliardi di dollari. I farmaci anti-asmatici che …

  • Diagnosi e gestione delle non-IgE-mediata …

    allergia al latte per la cura primaria astratta Parole chiave di mucca alimentari allergia Diagnostica di gestione ipoallergenici formula Introduzione I neonati sono esposti alle proteine ​​del latte di mucca con la dieta materna, se …