disturbi testa e del collo che interessano …

disturbi testa e del collo che interessano ...

un: Fase iniziale di ricostruzione con l’avambraccio radiale lembo libero ricostruzione della faringe si aprono sulla parete anteriore del torace. B: Dopo interposizione del colon e l’attaccamento della faringe ricostruito.

Approcci colonna vertebrale cervicale e Osteofiti
Disfunzione cricofaringea e diverticolo di Zenker

Rilassamento del cricopharyngeus è una componente essenziale di un normale evento faringeo rondine. Il fallimento di completo relax può portare ad un prolungamento dei tempi di transito del bolo ed è associata ad elevate pressioni intrapharyngeal. Quando il bolo non riesce a raggiungere completamente l’esofago, il materiale residuo nel recesso piriforme, a rischio per la post-rondine aspirazione. Una varietà di disturbi può portare a cricofaringea erettile, incluso acalasia primaria, polimiosite / dermatomiosite, neuromuscolare poststroke mancanza di coordinazione, o lesioni dei nervi periferici e l’invecchiamento. 13, 14, 15, 16 Trattare il problema cricofaringea può comportare una dilatazione, miotomia, o l’uso di tossina botulinica per via intramuscolare. 13 Quando la disfunzione cricofaringea è una parte di debolezza faringea globale, come è il caso di un paziente amiotrofica sclerosi laterale (ALS), interventi a livello del cricopharyngeus riescono a compensare la perdita di propulsione bolo primaria.

diverticolo di Zenker, una posteriore estroflessione ipofaringea, è pensato per essere soprattutto il risultato di anomalie cricofaringeo accoppiato con una debolezza naturale inferiore ai muscoli faringei costrittore e pressioni rondine secondariamente elevate. diverticolo di Zenker è un disturbo di una popolazione invecchiata. L’età media della diagnosi è intorno ai 70 anni, ed è raramente visto prima età 50. 17 Studi di pressione deglutizione hanno dimostrato che, con tempi di transito del bolo l’età aumentano, superiore caduta di pressione esofagea è in ritardo nel tempo, e il minimo di apertura esofageo superiore aumenti di pressione su un valore positivo significativo. 18 Questi cambiamenti con l’età, accoppiato con una naturale predisposizione per il posteriore della faringe estroflessione, sono i meccanismi probabili per la formazione diverticolo di Zenker. 19

Il trattamento chirurgico di diverticolo di Zenker richiede qualche forma di miotomia cricofaringea, con o senza la rimozione del diverticolo stesso. La tendenza attuale è quella di trattare transorally usando un CO2 laser o pinzatura tecniche (Figura 5). 19 I risultati di entrambe le tecniche sono segnalati per essere abbastanza buona, con i rischi del trattamento endoscopico possibilmente inferiore rispetto alle tecniche aperte. 20, 21

un: cricofaringea bar anteriore visibile al diverticolo di Zenker (freccia). B: Dopo cricofaringea laser miotomia, con diverticolo aperto in esofago.

Testa e del collo tumori e malignità

La disfagia iniziale associato con la testa e il collo malignità è attribuito alla combinazione di interrotto normale anatomia secondaria a effetto massa, coinvolgimento dei nervi, tethering dei tessuti molli, o dolore tumorale indotta. La maggior parte dei tumori della testa e del collo sono mucosally based e sono carcinomi a cellule squamose. Queste lesioni possono essere esofitica o infiltrativa in natura, e spesso metastasi ai linfonodi cervicali che richiedono un trattamento non solo la località principale, ma anche vasi linfatici drenanti. deficit di deglutizione persistenti dopo il trattamento sono legati alla grandezza di un intervento chirurgico o di tessuti molli e la risposta del tumore alle terapie non chirurgiche come le radiazioni e la chemioterapia.

I tumori del cavo orale, tra cui la lingua anteriore, mucosa buccale, cresta alveolare, e anteriore del palato sono meglio compensati per rispetto ai tumori dell’orofaringe, che comprendono la base della lingua, Fossas tonsillari, e la parete posteriore della faringe. 22 Il trattamento chirurgico del carcinoma del cavo orale spesso può ripristinare la struttura e talvolta funzione. La porzione di rondine che si verifica nella cavità orale è essenzialmente volontaria ed è associata principalmente con manipolazione bolo e masticazione (Figura 6). Il recupero della porzione involontaria o riflessiva della rondine orofaringeo è molto più difficile, come i deficit sensoriali e motori portano a limitazioni significative della pressione bolo e propulsione.

lingua nativa su hemitongue destra e senza lembo a sinistra (freccia).

Rotazione del pettorale pelle e lembo di muscolo nel collo per riparare difetti faringeo.

La terapia non chirurgica per i pazienti della testa e del collo è diventato abbastanza comune nel 2005. La combinazione di chemioterapia e radiazioni produce un alto tasso di controllo del tumore locale / regionale, e in alcuni casi sembra ritardare l’insorgenza della malattia metastatica. 27, 28, 29 Sfortunatamente, l’eliminazione del cancro può lasciare effetti collaterali devastanti, compresa l’incapacità di mangiare e ingoiare normalmente. conservazione dell’organo, spesso presume essere il trattamento preferito, è stato ora dimostrato di lasciare deficit funzionali, che prolungano e magnificare la disfagia. 30 L’incidenza di problemi di deglutizione in questi gruppi di trattamento è estremamente elevato e può anche peggiorare con il tempo. 31, 32 I trattamenti possono portare a significativi la fibrosi dei tessuti molli, spaventando della mucosa, e xerostomia. sequele a lungo termine della radioterapia possono includere perdita di energia, dolori, xerostomia, gusto alterato, odore alterata, trisma, carie, la rigidità dei tessuti, l’edema, e svalutazioni nel parlare, la voce, e la deglutizione. terapie convenzionali per la disfagia sono di beneficio limitato, e molti pazienti sono lasciati con grave, disfagia per tutta la vita. 33 Questo problema ha un forte impatto sulla qualità della vita di questi pazienti sopravvissuti al cancro e spesso colpisce la nutrizione, l’idratazione e la salute polmonare. 34, 35 Una relazione ha rilevato che 12 mesi dopo il trattamento, solo il 56% di tutti i pazienti della testa e del collo sono state mangiando una dieta normale. 36

Questa incidenza è probabile una sottostima della reale portata del problema. Sembra che testa e del collo del paziente self-report di deglutizione è meglio di prestazioni rondine attuale visualizzata fluoroscopia o endoscopica. 31, 39, 40 L’utilizzo di strumenti di imaging, diverse segnalazioni hanno scoperto che quasi tutti i pazienti avevano deglutizione anomalie nelle ultime fasi dopo la radioterapia. Wu et al. 40 pazienti valutati trattati con radiazioni per il cancro del rinofaringe e ha rilevato che oltre il 90% ha una anomalia definibile in sede d’esame endoscopico deglutizione.

La natura del disfagia dopo chemorads stata descritta in vari articoli. Uno studio ha confrontato i risultati fluoroscopic ai cambiamenti strutturali osservati con gli studi di tomografia computerizzata in pazienti post-chemorads. 35 Gli autori hanno concluso che costrittori faringei e adduttori laringei mostrato cambiamenti strutturali che potrebbero essere attribuiti ai chemorads. Gli studi hanno mostrato di fluoroscopia tutti movimenti che compongono la rondine hanno perso di valore, tra cui retrazione lingua-base ed escursione hyolaryngeal. Sembra che l’intero meccanismo rondine è interessato. A supporto di questa nozione, Lazarus 44 trovato che la sede del tumore aveva poco effetto sulla natura della terapia post-radiazioni problema deglutizione; tutti i pazienti post-chemorads avevano una rondine deboli, e alcuni di loro aspirati o permesso cibo o liquidi nelle vie aeree. Questi risultati sono simili a quelle di studio endoscopico 40 Wu et al., In cui più del 90% dei pazienti post-chemorads aspirati o penetrati.

In sintesi, la disfagia associata con la testa e il collo malignità è estremamente comune e può rimanere il principale effetto collaterale residuo del trattamento anche quando il tumore è controllato.

Neurogena e neuromuscolare disfagia

Nervi cranici

A: Pre-rondine. B: consegna bolo di dell’ipofaringe. c: elevazione Laryngopharyngeal (freccia bianca). D: Post-deglutire con bario residuo piriforme sinusale (freccia nera).

Vagale Nerve Injury e paralisi delle corde vocali

La divisione motoria primaria del nervo vago è il nervo laringeo ricorrente, che è responsabile per il movimento della muscolatura laringea intrinseca. La sua primaria importanza nella deglutizione è la sua capacità di produrre vocali adduzione cavo durante il passaggio del bolo, e consentire adeguata chiusura glottica durante il riflesso della tosse. Lesioni al nervo ricorrente porta a ipsilaterale paralisi delle corde vocali. I sintomi spesso includono disfagia, in primo luogo con il liquido, la voce debole e povero tosse. Di maggiore importanza è lesione del nervo vagale o in prossimità della base del cranio. Questo aggiunge un elemento di debolezza motoria faringeo e un deficit sensoriale laryngopharyngeal aggravando in modo significativo il rischio di aspirazione. Tabaee et al. 45 nel 2005, ha riferito un’aspirazione un’incidenza del 35% nei loro pazienti con paralisi unilaterale. Lo stesso gruppo di pazienti aveva una documentata deficit sensoriale 80% del tempo e un assente reflex adduttore della laringe nel 34% del gruppo. Alte le lesioni del nervo vagale spesso includono lesioni ai nervi adiacenti alla base del cranio, compreso il glossofaringeo e nervo ipoglosso. L’insulto combinato produce unilaterale faringei sensoriali e motorie deficit, che coinvolgono tutti i muscoli utilizzati nel trasferimento bolo. Questo produce gravi e spesso irrecuperabili disfagia nella maggior parte dei pazienti, e le strategie di compensazione sono raramente successo.

Gore-Tex materiale tiroplastica viene collocato nello spazio paraglottic da inferiore alla cartilagine tiroidea (freccia al bordo inferiore della cartilagine).

Ictus
Sclerosi laterale amiotrofica
Miastenia grave
Autoimmune, della tiroide e disturbi salivari

Una varietà di disturbi che hanno importanti manifestazioni sistemiche, come il diabete, può anche contribuire a sistemi di disfagia. Molte di queste malattie potrebbero essere classificate come malattie autoimmuni. Inclusi in questo gruppo sarebbe SjöLa sindrome di gren, miastenia gravis, il lupus, l’inclusione corpo miosite, e molti disturbi della tiroide. Molti di questi temi sono stati discussi in altre sezioni. Inoltre ci sono molte malattie della tiroide non autoimmune che possono portare a disfagia.

Disturbi salivare

L’altra causa primaria della disfunzione salivare è la radioterapia. Xerostomia è visto nella regione della testa e del collo dopo neoplasie della testa e del collo sono trattati con radioterapia esterna che comprende le zone della ghiandola parotide e sottomandibolare. Si cerca di risparmiare ghiandole salivari, quando possibile, durante i trattamenti di radiazione; Tuttavia, la natura di un tumore orofaringeo in quasi tutti i casi richiede una parte significativa delle ghiandole salivari da incorporare all’interno del campo di radiazione. Postradiation xerostomia è un problema per tutta la vita che richiede ai pazienti di utilizzare l’idratazione supplementare con quasi tutte le consistenze bolo. Anche se sono stati creati salive artificiali, la maggior parte dei pazienti trovano scarsa utilità in questi prodotti, e in quasi tutti i casi sono tenuti a portare l’acqua con loro in ogni momento. Xerostomia è probabile che il disturbo più comune a lungo termine di un paziente la terapia postradiation.

Malattie della tiroide

Malattie della tiroide sono anche occasionalmente associato a disfagia. allargamento della tiroide associato a gozzo può portare ad alcuni sintomi compressivi a causa della tiroide del essendo adiacente all’esofago. Questa situazione è più probabile che si verifichi in pazienti che hanno estensione retrosternale del loro gozzo in cui la massa goiterous occupa lo spazio ristretto nel toracico. Tuttavia, è raro che i pazienti sviluppano disfagia grave a causa di soli sintomi compressivi. 56

Più in materia sono tumori maligni della tiroide. Sebbene la maggior parte dei tumori tiroidei non conduce direttamente alla disfagia, non è raro che l’estensione extracapsulare di tumori tiroidei coinvolge la giunzione tracheoesofageo e così il corso del nervo laringeo ricorrente, portando alla paralisi corde vocali e le sue conseguenze disfagia secondaria (Figura 10 ). Le forme altamente maligne di cancro alla tiroide, come la varietà anaplastico invadono direttamente strutture circostanti. Questi pazienti possono presentarsi con una rapida insorgenza di disfagia come i tumori invadono le cervicali strutture neuromuscolari esofago e circostanti.

una: la massa del collo. B: immagine tomografia computerizzata (freccia al nervo ricorrente). C: immagine Surgical (freccia al nervo ricorrente). D: foto clinico della laringe che mostra paralisi delle corde trattamento post (freccia nera).

L’intervento chirurgico per la malattia della tiroide è forse una delle più comuni cause di disfagia postoperatoria secondaria a paralisi delle corde vocali. Ricorrente lesioni nervo laringeo durante chirurgia della tiroide è stimata tra 1% e il 10%, a seconda della natura della malattia della tiroide, benigna o maligna, e l’esperienza del chirurgo tiroide. 57

Disturbi infettive come causa di disfagia orofaringea

Diversi disturbi infettivi possono portare a disfagia a breve termine secondaria ad infiammazione delle mucose e il gonfiore (tabella 3).

Una delle cause infiammatorie più comuni di disfagia è candidosi della mucosa orale (Figura 11). Candidosi si verifica in presenza di infiammazione della mucosa causa di altre sostanze irritanti iniziali, come la radioterapia. Tuttavia, si è visto anche in pazienti che hanno subito immunocompromising trattamenti come la chemioterapia per neoplasie ematologiche. E ‘anche non di rado visto dopo l’utilizzo di antibiotici che hanno sconvolto la flora orale normali (che sono naturalmente protettivo contro la crescita eccessiva del lievito). Le infezioni batteriche comuni del dell’orofaringe, come faringite da streptococco, può portare a cambiamenti infiammatori delle mucose con dolore secondario e disfagia. Allo stesso modo, la formazione di ascessi nelle strutture periorali, come le tonsille, pavimento della bocca, lo spazio buccale e retrofaringe può anche portare a cambiamenti infiammatori, edema e dolore associato con grave disfagia.

viste endoscopiche di laringe e dell’ipofaringe.

effetti farmacologici

Farmaci effetti collaterali possono essere una delle cause più comuni ma non riconosciuti di disfagia orofaringea (Tabella 4). Gli antibiotici sono comuni cause di mucosite temporanei con i cambiamenti nelle normali batteri orali di protezione. Questa condizione è di solito auto-limitata, risolvendo quando il farmaco viene interrotto. Tuttavia, le infezioni da lieviti secondarie possono portare a gravi mucosite che richiedono un trattamento diretto e analgesici.

laryngopharyngeal Reflux

reflusso laryngopharyngeal è discusso in dettaglio in altre recensioni di questa pubblicazione on-line; tuttavia, è ragionevole riconoscere che è attualmente uno dei problemi più comunemente diagnosticato in pazienti che hanno riportato deglutizione anormale. In uno studio su 220 pazienti con sintomi clinici non valutate di disfagia, è emerso che il 18% dei pazienti aveva malattia da reflusso come la causa principale. 61 I sintomi di reflusso laryngopharyngeal sono diverse e si sovrappongono con quelle di molti altri disturbi della testa e del collo. La relazione della malattia da reflusso le denunce di deglutizione è debole. Solo uno su 10 pazienti con reflusso documentato ha un sintomo correlato deglutizione. 62 Quando i pazienti presentano sintomi vaghi comunemente associati con la malattia da reflusso, come il cambiamento lieve voce, nodo alla gola, lievi disturbi della faringe, e disfagia, è di primaria importanza che altre cause di questi sintomi sono tenuti a mente per essere certi che la vita -threatening tumori ipofaringee non sono mancati.

La disfagia psicogena

Conclusione

Durante una rondine normale vi è un complesso di coordinazione di quasi tutto orale, faringe e laringe muscoli, e superfici sensoriali in queste regioni. Quando una malattia o disturbo colpisce qualsiasi di questi siti o strutture, l’orchestrazione si rompe, con conseguente disfagia. L’entità del problema deglutizione dipende dall’estensione del insulto e la capacità del paziente di compensare. Quando entrambi motori e funzioni sensoriali sono interessati, i problemi sono anche significativamente esagerate. Anche se a volte le opzioni di trattamento sono limitate, una corretta diagnosi può guidare la terapia e aiutare il paziente nel comprendere l’eziologia del problema. Si può anche aiutare nella prevenzione della malnutrizione e polmonite possibile pericolo di vita.

Articolo contenuti correlati

dettagli ausiliari

Riferimenti

  1. Bardach J, Salyer KE. palato leporino riparazione. In: Bardach J, Salyer KE, eds. Tecniche chirurgiche in labioschisi e palato. St. Louis: Mosby-Year Book 1991: 224-273.
  2. Fisher SE, et al. Disturbi della deglutizione nell’infanzia. Pediatr Clin North Am 1981;28 (4) : 845-853.
  3. Benjamin B, Inglis A. minori congenita della laringe crepacci: Diagnosi e classificazione. Ann Otol Rhinol Laryngol 1989;98 : 417-420. | PubMed | Chemport |
  4. Tunckel DE. approccio chirurgico per la diagnosi e la gestione. In: Tuchman DN, Walter RD, eds. Disturbi della alimentazione e della deglutizione in neonati e bambini. San Diego: Singolare, 1994; 131-152.
  5. Yopp AC, Abrol S, Cunninghom JN, Lazzaro RS. La disfagia lusoria e aberrante l’arteria succlavia destra. J Am Coll Surg 2006;202 : 198. | Articolo | PubMed |
  6. Van Daele DJ, Perlman AL, Cassell MD. architettura intrinseca fibra e allegati l’epiglottide umano e il loro contributo al meccanismo della deglutizione. J Anat 1995;186 : 1-15. | PubMed |
  7. Bonanno PC. Ingoiare la disfunzione dopo tracheostomia. Ann Surg 1971;174 : 29-33. | PubMed | Chemport |
  8. Buckwalter JA, Sasaki CT. Effetto della tracheotomia sulla funzione laringea. Otolaryngol Clin North Am 1984;17 : 41-48. | PubMed | Chemport |
  9. Leder SB, Ross DA. Indagine della relazione causale tra la tracheotomia e aspirazione in reparti per acuti. laryngoscope 2000;110 : 641-644. | PubMed | Chemport |
  10. Chen HC, et al. ricostruzione precoce della faringe e dell’esofago in seguito a lesione corrosiva con radiale lembo avambraccio in preparazione per interposizione del colon. Ann Surg Thorac 1988;45 : 39-42. | PubMed | Chemport |
  11. Brandeburgo S, Leibrock LG. La disfagia e disfonia secondaria a anteriore osteofiti cervicali. Neurochirurgia 1986;18 (1) : 90-93.
  12. Lambert JR, et al. malattie della colonna vertebrale cervicale e disfagia. Quattro nuovi casi e una revisione della letteratura. Am J Gastroenterol 1981;76 (1) : 35-40.
  13. Cook IJ. Diagnosi e gestione di acalasia cricofaringeo e altri disturbi di apertura sfintere esofageo superiore. Curr Gastroenterol Rep 2000;2 (3) : 191-195.
  14. Ertekin C, et al. disfagia orofaringea in polimiosite / dermatomiosite. Clin Neurol Neurosurg 2004;107 : 32-37. | Articolo | PubMed |
  15. Leonard R, et al. apertura UES e bar cricofaringea negli adulti anziani e nonelderly nondysphagic. Disfagia 2004;19 : 182-191. | PubMed |
  16. Leaper M, et al. Una sporgenza anatomica esiste sulla parete posteriore ipofaringea in alcuni cadaveri anziani. Disfagia 2005;20 : 8-14. | Articolo | PubMed |
  17. Achem SR, Devault KR. La disfagia nell’invecchiamento. J Clin Gastroenterol 2005;39 : 357-371. | Articolo | PubMed |
  18. Yokoyama M, et al. Ruolo di movimento della laringe e l’effetto dell’invecchiamento sulla deglutizione pressione nella faringe e sfintere esofageo superiore. laryngoscope 2000;110 : 434-439. | PubMed | Chemport |
  19. Veenker E, Cohen JI. Le attuali tendenze nella gestione di Zenker diverticolo. Curr Opin Otolaryngol testa collo Surg 2003;11 : 160-165. | Articolo | PubMed |
  20. Chang CW, et al. L’anidride carbonica endoscopica laser diverticulotomy contro diverticulectomia aperto per diverticolo di Zenker. laryngoscope 2004;114 : 519-527. | PubMed |
  21. Narne S, et al. diverticulotomy endoscopica per il trattamento del diverticolo di Zenker: risultati in 102 pazienti con endoscopia fiocco assistita. Ann Otol Rhinol Laryngol 1999;108 : 810-815. | PubMed | Chemport |
  22. Hamlet S, et al. L’ingestione di recupero dopo linguetta anteriore e pavimento della chirurgia orale. testa collo 1991;13 : 334-339. | PubMed | Chemport |
  23. Hirano M, et al. La disfagia dopo vari gradi di resezione chirurgica per il cancro orale. Ann Otol Rhinol Laryngol 1992;101 : 138-141. | PubMed | Chemport |
  24. McConnel FS, et al. le variabili che influenzano chirurgico postoperatorio efficienza deglutizione in pazienti affetti da cancro orale: uno studio pilota. laryngoscope 1994;104 : 87-90. | PubMed | Chemport |
  25. Steiner W, et al. microchirurgia laser transorale per il carcinoma a cellule squamose della base della lingua. Arch Surg Otolaryngol testa collo 2003;129 : 36-43. | PubMed |
  26. Zuydam AC, et al. L’ingestione di riabilitazione dopo resezione orofaringea per carcinoma a cellule squamose. Br J Oral Surg Maxillofac 2000;38 : 513-518. | Articolo | PubMed | Chemport |
  27. Il Department of Veterans Affairs laringea Cancer Study Group. chemioterapia di induzione più radiazioni rispetto alla chirurgia più radiazioni in pazienti con cancro della laringe avanzato. N Engl J Med 1991;324 : 1685-1690.
  28. Al-Sarraf M, et al. Chemioradioterapia versus la radioterapia in pazienti con cancro del rinofaringe avanzato: di fase III randomizzato studio Intergruppo 0099. J Clin Oncol 1998;16 : 1310. | PubMed | ISI | Chemport |
  29. Pignon JP, et al. La chemioterapia aggiunto al trattamento loco-regionale per il carcinoma della testa e del collo a cellule squamose: tre meta-analisi dei dati individuali aggiornati. Lancetta 2000;355 : 9208; Salute Modulo 949-955. | Articolo | PubMed | ISI | Chemport |
  30. Morton RP. Gli studi della qualità della vita dei pazienti cancro della testa e del collo: i risultati di uno studio longitudinale di due anni e uno studio comparativo trasversale cross-culturale. laryngoscope 2003;113 : 1091-1103. | PubMed |
  31. Lazarus CL. Effetti della radioterapia e manovre volontarie su Swallow funzionanti in pazienti con cancro della testa e del collo. Clin Comm Disord 1993;3 : 11-20. | Chemport |
  32. Smith RV, et al. problemi di deglutizione a lungo termine dopo la terapia conservazione dell’organo con radioterapia concomitante e idrossiurea per via endovenosa. Arch Surg Otolaryngol testa collo 2000;126 : 384-389. | PubMed | Chemport |
  33. Mittal BB, et al. L’ingestione di strategie disfunzione-preventiva e riabilitazione in pazienti con tumori della testa e del collo trattati con la chirurgia, la radioterapia e chemioterapia: una revisione critica. Int J Oncol Biol Phys Radiat 2003;57 : 1219-1230. | Articolo | PubMed |
  34. Grobbelaar EJ, et al. sfide nutrizionali nel cancro della testa e del collo. Clin Otolaryngol Allied Sci 2004;29 (4) : 307-313.
  35. Eisbruch A, et al. valutazione obiettiva della deglutizione erettile e l’aspirazione dopo concomitante di radiazioni con la chemioterapia per il cancro della testa e collo. Int J Oncol Biol Phys Radiat 2002;53 (1) : 23-28.
  36. Rademaker AW, et al. Mangiare capacità in pazienti con cancro della testa e del collo dopo il trattamento con chemoradiation: uno studio di 12 mesi di follow-up pari al dropout. testa collo 2003;25d : 1034-1041.
  37. Cooper JS, et al. Postoperatoria radioterapia concomitante e la chemioterapia ad alto rischio di carcinoma a cellule squamose della testa e del collo. N Engl J Med 2004;350 : 1937-1944. | Articolo | PubMed | ISI |
  38. Cox JD, et al. criteri di tossicità del Radiation Therapy Oncology Group (RTOG) e l’Organizzazione europea per la Ricerca e la Cura del Cancro (EORTC). Radiat Oncol Biol Phys 1995;31 : 1341-1346. | Chemport |
  39. Kendall KA, et al. la mobilità strutturale in deglutizione dopo il trattamento modalità singolo dei carcinomi della testa e del collo con la radioterapia. testa collo 1988;20 : 720-725.
  40. Wu CH, et al. La disfagia dopo la radioterapia: esame endoscopico della deglutizione in pazienti con carcinoma rinofaringeo. Ann Otol Rhinol Laryngol 2000;109 : 320-325. | PubMed | Chemport |
  41. Mekhail TM, et al. nutrizione enterale durante il trattamento della testa e del collo carcinoma. Cancro 2001;91 : 1785-1790. | 3.0.CO; 2-1" class ="reftxt" target ="esterno" title ="nutrizione enterale durante il trattamento di testa e del collo del carcinoma"gt; art | PubMed | Chemport |
  42. Staar S, et al. L’intensificazione della radioterapia accelerata iperfrazionati limita l’ulteriore vantaggio della chemioterapia simultanea: risultati di uno studio multicentrico randomizzato in tedesco cancro della testa e del collo-avanzato. Int J Oncol Biol Phys Radiat 2001;50 (5) : 1161-1171.
  43. Lista MA, Bilir SP. Le valutazioni di qualità di vita della funzione e organo. Semin Oncol 2004;31 : 827-835. | Articolo | PubMed |
  44. Lazarus CL, et al. Deglutizione e la funzione della lingua dopo il trattamento per il cancro orale e dell’orofaringe. J Discorso Lang Hear Res 2000;43 : 1011-1023. | PubMed | Chemport |
  45. Tabaee A, et al. valutazione endoscopica flessibile della deglutizione con test sensore in pazienti con unilaterale immobilità delle corde vocali: Incidenza e fisiopatologia di aspirazione. laryngoscope 2005;115 : 565-569. | PubMed |
  46. Hoffman HT, McCulloch TM. considerazioni anatomiche nel trattamento chirurgico delle unilaterale paralisi laringea. testa collo 1996;16 : 174-187.
  47. Hoffman H, McCabe D, McCulloch T, Jin SM, collagene iniezione Karnell M. laringea in aggiunta alla medializzazione laringoplastica. laryngoscope 2002;112 : 1407-1413. | PubMed |
  48. McCulloch TM, Hoffman T. medializzazione laringoplastica con politetrafluoroetilene espanso (ePTFE): tecnica chirurgica e risultati preliminari. Ann Otol Rhinol Laryngol 1998;107 : 427-432. | PubMed | Chemport |
  49. McCulloch TM, Andrews BT, Hoffman HT, Graham SM, Karnell MP, Minnick C. followup a lungo termine di laringoplastica iniezione di grasso per unilaterale paralisi delle corde vocali. laryngoscope 2002;112 : 1235-1238. | PubMed |
  50. Smithard D, et al. La storia naturale della disfagia seguito di un ictus. Disfagia 1997;12 : 188-193. | Articolo | PubMed | Chemport |
  51. Guily JL, et al. disturbi della deglutizione nelle malattie muscolari: valutazione funzionale e l’indicazione di miotomia cricofaringea. Orecchio naso gola J 1994;73 : 34-40. | PubMed |
  52. Sieb JP. Miastenia grave: emergere nuove opzioni terapeutiche. Curr Opin Pharmacol 2005;5 : 303-307. | PubMed | Chemport |
  53. Brin MF, i disordini e l’aspirazione più giovani D. neurologiche. Otolaryngol Clin North Am 1988;21 (4) : 691-700.
  54. Bubl R, Schon B disfagia nella malattia dermatologica. Disfagia 1993;8 (2) : 85-95.
  55. Caruso, et al. misure oggettive di deglutizione in pazienti con Sj primariaösindrome di Gren. Disfagia 1998;4 : 101-105.
  56. Ingbar SH, Malattie Woeber KA della tiroide. In: Petersdorf RG, et al. eds. Principi di Medicina Interna di Harrison. New York: McGraw-Hill, 1983; 614-634.
  57. Hermann M, G Alk, Roka R, K Glaser, Freissmuth M. laringeo ricorrente lesione del nervo a un intervento chirurgico per patologie benigne della tiroide: effetto di nervi dissezione e l’impatto del singolo chirurgo in più di 27.000 i nervi a rischio. Ann Surg 2002;235 (2) : 261-268.
  58. DePietropaolo DL, et al. La diagnosi della malattia di Lyme. Am Fam Physician 2005;72 (2) : 279-304.
  59. Rudd KM, Raehl CL, Legame CA, Abbruscato TJ, Stenhouse AC. Metodi per la valutazione della attività anticolinergica connessa alla droga. Farmacoterapia 2005;11 : 1592-1601.
  60. Sliwa J, Lis S. disfagia farmaco-indotta. Arch Phys Med Rehabil 1993;74 : 445-447. | PubMed | Chemport |
  61. Esfandyari T, Potter JW, Vaezi MF. La disfagia: un’analisi dei costi del approccio diagnostico. Am J Gastroenterol 2002;97 : 2733-2737. | Articolo | PubMed |
  62. Tutuian R, Castell DO. La diagnosi di malattia da reflusso faringo-laringeo. Curr Opin Otolaryngol testa collo Surg 2004;12 : 174-179. | PubMed |
  63. Gilbody J. Errori della deglutizione-reali e immaginari; o, non dimenticate la psiche. J Laryngol Otol 1991;105 : 807-811. | PubMed | Chemport |

ARTICOLO DI NAVIGAZIONE – Articolo strumenti

Related posts

  • Testa e del collo cancro, la diagnosi …

    Orari di apertura: Lunedi – Venerdì: 8:30-17:30 Seattle Campus principale Località: Lindeman Padiglione Livello 10 State-of-the-Art Diagnosi e trattamento di chirurgia, radioterapia e / o …

  • Curing testa e del collo cancro è …

    Curare testa e del collo cancro è solo una parte della sfida Lisa Bourdon-Krause e suo figlio, condividere una coca. Non molto tempo fa, Lisa Bourdon-Krause entrato in un ristorante. Ha ordinato un hamburger e …

  • Head and Neck Cancer Centro di Chirurgia, della gola e del collo.

    Gli esperti del Dipartimento di otorinolaringoiatria-Chirurgia Cervico lavoro con specialisti del Sidney Kimmel Comprehensive Cancer Center per fornire esperti, assistenza personalizzata ai pazienti …

  • Testa e del collo Cancro, è il cancro del collo curabile.

    Definizione ed eziologia Questo capitolo carcinomi a cellule squamose della testa e del collo. Questi sono i tumori maligni derivanti dalla mucosa della cavità orale, dell’orofaringe, …

  • Testa e del collo Cancro, specialista di cancro alla gola.

    Come possiamo aiutare: Cancro Sig Dilkes ha recentemente ritirato come ENT clinico di piombo per la popolazione del nord-est di Londra, che hanno tumori della testa e del collo o il cancro. Si sta concentrando su laser …

  • Testa e collo Tumori, zona del collo del tumore.

    Panoramica Nel 2016, si stima che 61,760 persone saranno con diagnosi di tumore della testa e del collo negli Stati Uniti, con circa 13.190 morti per la malattia. La maggior parte dei pazienti con …